A Piadena una prova di carattere, successo fondamentale per i biancazzurri

A Piadena, proprio nel momento più difficile, Ferrara Basket sfodera la prova più convincente della sua stagione, batte il secondo colpo consecutivo in trasferta e si rilancia dopo il brutto stop interno contro Sansebasket: finisce 62-76 una gara che i biancazzurri hanno condotto sin dalle prime battute, bravi a rimetterla sui giusti binari dopo il rientro di Piadena a cavallo tra secondo e terzo quarto. E’ il successo della difesa, finalmente, perché Drigo e compagni concedono le briciole all’attacco cremonese, che sbatte contro i centimetri e l’atletismo di Yarbanga e viene tenuto a soli 7 punti nell’ultimo e decisivo parziale di gioco. E dire che Piadena aveva iniziato il match nel migliore dei modi, complice anche un approccio soporifero di Ferrara, brava poi a togliersi di dosso la ruggine con Drigo e Kuvekalovic: i biancazzurri toccano la doppia cifra di vantaggio già nel primo quarto, controllano agevolmente fino alla metà della seconda frazione e allungano addirittura sul +15 con la tripla di Romondia.

Poi i padroni di casa sono bravi a recuperare punto dopo punto, una rimonta che trova il suo apice con un parziale di 26-5 che nel terzo quarto porta Piadena addirittura sul +6: sembra di rivedere i fantasmi delle trasferte precedenti, invece Ferrara reagisce e trova in capitan Drigo il motore del contro-break di 12-0 che riporta l’inerzia dalla parte dei biancazzurri. Nell’ultimo quarto Yarbanga e Cattani sono un fattore nel pitturato, gli estensi concedono pochissimo e chiudono i conti grazie al canestro di Porfilio dall’angolo: è la vittoria della squadra, del gruppo, della voglia di uscire da un momento complicato. Ferrara c’è e con questo successo vuole trovare la svolta del suo campionato.

CORONA PLATINA PIADENA – FERRARA BASKET 2018 62 – 76 (17-24; 35-43; 55-64):

PIADENA: Bosoni ne, Zugno 4, De Martin, Marchetto ne, Roberto, Olivieri ne, Malaggi, Barbotti 10, Mascadri 19, Avanzini 4, Forte 17, Valente 8. All. Baiardo.

FERRARA: Bellini ne, Romondia 3, Cattani 2, Drigo 17, Kuvekalovic 15, Porfilio 9, Yarbanga 6, Cecchetti 8, Manias ne, Ballabio 11, Marchini 5. All. Furlani.